lunedý, 29 maggio '17.
Sei il visitatore n░ 2896970



Imposta Comunale Unica (IMU-TARI-TASI)

MODULISTICA

SERVIZI e UFFICI Comunali

ADDIZIONALE IRPEF

S.U.A.P.

AUTOCERTIFICAZIONE

INFORMAZIONI E CONTROLLI

DETERMINAZIONI DEI RESPONSABILI DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

DELIBERAZIONI CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONI GIUNTA COMUNALE

ORDINANZE

IPAB CASA PROTETTA VASSALLI REMONDINI DI CASTELL'ARQUATO

UNIONE DEI COMUNI MONTANI ALTA VAL D'ARDA




Suggerimenti...


INFORMAZIONI TURISTICHE > Luigi Illica il librettista di Puccini... e non solo

Approfondimenti

Luigi Illica il librettista di Puccini... e non solo

Poeta, patriota e librettista


Luigi Illica: una delle tante eccellenze di Castell'Arquato!


Personaggio poliedrico del '800. Poeta, librettista, giornalista e patriota.

Castell'Arquato, oltre a rimanere come testimonianza tangibile, della storia comunale italiana, è stata patria di importanti personaggi che le hanno dato lustro nel corso dei secoli.
Uno di questi, senz'altro il più noto, è il poliedrico Luigi Illica.
Librettista, poeta, giornalista, autore lui stesso di teatro, e patriota nativo di Castell'Arquato, dal nostro borgo partì alla conquista di grandi risultati nel campo della letteratura e del teatro mondiale.
Luigi Illica nacque a Castell'Arquato il 9 maggio 1857 e, pur peregrinando in tutto il mondo per portare al successo le sue opere, rimase sempre legato al suo paese natio facendovi spessissimo ritorno, finanche in età senile.

Suoi i libretti, ovvero quelle che ai giorni d'oggi potrebbero essere definite le 'sceneggiature', di importanti opere liriche che ancora oggi riempiono i teatri entusiasmano il pubblico.
Nascono dalla sua penna opere giovanili come la Wally, Manon Lescaut, La Bohème, Andrea Chénier e tante altre, opere che lo portarono a collaborare con musicisti come Smareglia, Catalani, Giordano, Franchetti e soprattutto Giacomo Puccini e Giuseppe Mascagni.

Proprio dalla collaborazione con Puccini e con un altro grandissimo librettista, Giuseppe Giacosa, sotto l'illuminata committenza dell'editore Ricordi di Milano, prende vita uno degli énsemble teatrali più prolifico e sorprendente del panorama lirico mondiale di ogni tempo.
Dopo una biennale prima esperienza milanese, nel 1881 fu inoltre a Bologna dove fondò il giornale Don Chisciotte e conobbe il Carducci, al quale dedica anche il suo primo dramma I Narbonnerie la Tour, nel 1882 tornò a Milano.
Proprio dalla collaborazione con Puccini e con un altro grandissimo librettista, Giuseppe Giacosa, sotto l'illuminata committenza dell'editore Ricordi di Milano, prende vita uno degli énsemble teatrali più prolifico e sorprendente del panorama lirico mondiale di ogni tempo.
Nel fervido clima culturale della Milano scapigliata che divenne 'incubatoio di idee', Luigi Illica forgia opere come La Bohème, Andrea Chénier, la Tosca e Madama Butterfly. Ed è indubbio che in talune sue scritture siano evidenti le influenze e i richiami alle ''scenografie naturali'' di Castell'Arquato che il poeta aveva sotto gli occhi mentre componeva.
Dal sodalizio con l'indimenticabile musicista della sua epoca Pietro Mascagni nascono invece Iris, Le maschere e Isabeau.

Numerosi aneddoti della sua esistenza ce ne fanno tratteggiare un carattere fiero, indomito, estremamente moderno ed eclettico, acuto, talora decadente spesso in contrasto con la famiglia d'origine. Fu molto amato dalle donne ed ebbe profondi legami d'amicizia con intellettuali del tempo. Su tutti Arrigo Boito e Giosuè Carducci, che è fra l'altro ritratto con lui in una fotografia scattata nella tenuta di campagna.
Alla vigilia del sessantanni, mosso dal proprio spirito patriottico, partì volontario al fronte per dare il proprio contributo all'esercito italiano in occasione della I Guerra Mondiale; a causa di una caduta da cavallo, nel 1815 dovette abbandonare i commilitoni e rientrare in Italia.

Fu proprio a Castell'Arquato che la morte lo colse nella sua villa in località Coste Orzate, all'interno della tenuta di sua proprietà, da lui soprannominata ''Belvedere'', non lontano dal podere Colombarone e Sant'Antonio vecchio, il 16 dicembre 1919.

Fra i documenti allegati sotto potete trovare le scansioni realizzate direttamente dai documenti originali contenuti nell'Archivio storico del Comune di Castell'Arquato: Atto di nascita e Atto di morte del nostro poeta.

La Proloco di Castell'Arquato, in stretta collaborazione con il Comune, organizza dal 1961 il Premio Internazionale Luigi Illica, che assegna, a cadenza biennale, riconoscimenti a importanti esponenti del mondo della lirica.
Da alcuni anni inoltre il Premio si alterna con il Concorso Internazionale Illica Opera Stage, rivolto a giovani cantanti provenienti da tutto il mondo, ai quali viene data la possibilità di frequentare masterclass intensive ed esibirsi in produzioni dedicate alle opere di Illica. Abitualmente i due eventi sono proposti nel mese di luglio.

Nel suggestivo cimitero locale è tuttora ospitata la tomba monumentale di Illica.

A Castell'Arquato è stato inoltre allestito in via Sforza Caolzio il piccolo Museo Luigi Illica, sito nei pressi di quella che è considerata la casa natale del poeta, ora sede di struttura ricettiva, ma da lui scherzosamente chiamata ''fabbrica di libretti''. Il museo è visitabile previo contatto con l'ufficio turistico 0523803215


Documenti
TornaTorna 

INFORMAZIONI TURISTICHE

In primo piano

Informazioni

Eventi, mostre & C.

Associazioni di Castell'Arquato


Eventi Maggio 2017

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
       
< Mese Prec.

Archivio


In Evidenza

Galleria Fotografica

Tutte le immagini presenti nell'archivio fotografico del Comune di Castell'Arquato






Web Site a cura di
Edita S.p.A.